18 febbraio 2012

FRITOE VENEZIANE DI CARNEVALE

DI FRANISIA

Da qualche anno, vivendo negli Stati Uniti, abbiamo imparato a dimenticarci del Carnevale.
Si festeggia alla grande solo in Lousiana, a New Orleans, dove tutto si colora di verde, viola e oro.

La folla impazzisce per le collanine di plastica.

Nel resto del paese si organizza qualche festa ad alto tasso alcolico e spuntano nei drugstores maschere, cotillons e soprattutto collanine di plastica da tirare garruli alle signorine che mostano le grazie per accaparrarsene il maggior numero possibile. Resta un mistero il motivo di cotanto accanimento per la bigiotteria che perfino la mia Barbie si rifiuterebbe di indossare, ma ci vorrebbe uno studio antropologico e non abbiamo tempo.

La king cake.

L'unico dolce tipico è la King cake, un ciambellone glassato con un bambino di plastica nascosto nell'impasto. Il fortunato che riesce a sopravvivere dopo aver sputato il famigerato bambinello avrà l'onore di... dare una festa di Carnevale l'anno prossimo, cioè spendere un sacco di soldi in cotillons, liquori e ciambelloni, pulire la casa prima e dopo, insomma, un po' come vincere al Superenalotto.
Per chi come noi è cresciuto a frittelle, chiacchere (galani, bugie, ecc. ecc.), vin brulé e travestimenti c'è poco da festeggiare con una collanina di plastica e  una fetta di ciambella mentre il cuore mugula una tristissima canzone brasiliana.

Mi cimento da qualche anno a friggere qualche leccornia carnevalesca per Sabato o Martedì grasso, e devo dire che le chiacchere (bugie, galani, frappe ecc. ecc.) mi sono sempre riuscite benissimo (la ricetta la trovate su FRALMANACCO: FEBBRAIO). Un anno però per la mia "doccia al bebé", o baby shower, abbiamo provato a fare le fritoe veneziane.

Le fritoe veneziane in tutto il loro splendore.

Sono già passati 4 anni e i ricordi si offuscano, però ricordo che l'impasto era lievitato strepitosamente, sembrava un panettone e tutto sembrava andare per il verso giusto.

L'impasto lievitato alla perfezione.

Poi abbiamo fritto le palline nell'olio bollente e qualcosa non ha funzionato, erano troppo dure, o crude dentro, allora abbiamo avuto la brillante idea di formare dei cilindri arrotolati per dar modo all'impasto di cuocere piu' uniformemente. Il risultato e' stato a dir poco esilarante, avremmo potuto mettere le fritoe in sacchetti di plastica e venderle in cartoleria come scherzo di carnevale.

Il risultato finale...


Ma che bontà, ma che cos'e questa robina qua, cioccolato svizzero?

Ovviamente non le abbiamo servite, ma proveremo stoicamente a rifarle.

Alla prossima, e buon Carnevale!

4 commenti:

Spicy.Ginger.Ale ha detto...

L'accanimento per le collanine è una cosa strana, ammetto, ma dura giusto il tempo della sfilata dei carri, poi ci si rende conto di essere ricoperti di plasticazza sberluccicosa. Devo dire che, abitando a New Orleans, che il carnevale qui è sentitissimo. Ci si prepara dal mercoledì delle ceneri fino all'inizio del carnevale (bande, mardi gras indians, krewes...). Non ci sono stelle filanti e sono più gli adulti che si travestono che non i bambini, ma la trovo comunque una festa meravigliosa, tant'è che l'aspetto tutto l'anno.

lajules ha detto...

Putroppo qui a Washington il Carnevale e' praticamente inesistente. Cmq alle fritelle-stronzidicane ho partecipato anch'io! Non solo erano orrende, ma erano anche piuttosto immangiabili. Ne rimane solo il tenero ricordo.

Ho provato cmq a fare le fritoe nei 2 weekend scorsi e devo dire che mi sono riuscite piuttosto bene. La prima volta ho usato la ricetta di Cesare Colonnese e sono venute buone; la seconda ho usato una sola bustina di lievito e sono venute meglio (Franisia, ho scoperto che l'impasto rimane piuttosto liquido anche dopo la lievitazione). A dirla tutta, la seconda volta ho fatto lievitare l'impasto per circa 36 ore (pigrizia) e alla fine, grazie alla super-fermentazione, le frittelle erano piu' che altro delle bombe fritte alla grappa. Ottime!

Francesca ha detto...

Ho trovato una ricetta dove usano lievito in polvere, non il lievito di birra, che avevamo usato nella ricetta precedente. Tu che lievito hai usato? Spicy, sappi che t'invidio parecchio.

lajules ha detto...

Mi sono riguardata le foto delle nostre frittelle-stronzo... Muoio dal ridere!!!